Visitare Cordoba

In un viaggio nella Regione dell’Andalusia, in Spagna, le proposte turistiche si focalizzano soprattutto verso Granada e Siviglia mentre Cordoba viene un po’ “snobbata” o si dedica troppo poco tempo, non sufficiente a godere veramente di tutte le bellezze e le ricchezze anche culturali che questa città offre.

Come arrivare a Cordoba

Cordoba è facilmente raggiungibile in auto se arrivi, ad esempio da Siviglia o da Granada ma esistono comodi collegamenti anche con i mezzi pubblici. Comodi treni ti portano a Cordoba dai principali centri dell’Andalusia.

Giunto in stazione potrai raggiungere il centro storico con diverse linee urbane: Autobus 3, 5, 11 e 13 ti portano tutti al centro storico. In alternativa, se hai voglia di fare una passeggiata, potrai raggiungere il centro storico in circa 20 minuti.

Cosa vedere a Cordoba

Cordoba è una città che può a buona ragione essere considerata come la perla dell’Andalusia di cui è stata capitale nel periodo di dominio arabo in Spagna. Numerose testimonianze esistono rispetto a quello che è stato nel periodo del medioevo islamico.

Tra queste certamente la più rilevante è la Grande Moschea, la più grande dell’Andalusia che oggi ospita la Cattedrale di Cordoba. E’ molto visitata dai turisti, tanto che in ogni stagione troverai una coda per acquistare il biglietto che ti consente la visita e la salita alla Torre campanaria.

Eccezionale l’estensione di questo edificio: 23.000 metri quadri che richiedono almeno un’ora ma anche più per completare la visita. L’edificio che risale al 600 d.C., ha visto modificare in più riprese il proprio stile architettonico e il suo utilizzo.

Questi cambiamenti hanno portato al suo aspetto attuale, incredibilmente armonico pur nella poliedricità, per un risultato semplicemente meraviglioso.

Alcazar de los Reyes Cristianos

E’ un Palazzo reale ma non tra i più grandi dell’Andalusia ma è da ammirare soprattutto per i suoi meravigliosi giardini co mirabili giochi d’acqua. Proprio nei giardini si trovano le statue di Isabella e Ferdinando di Castiglia in compagnia di Cristoforo Colombo.

Questo accostamento trova piena giustificazione in quanto è proprio in questo Palazzo che avvenne l’incontro tra il famoso navigatore e i regnanti per discutere del finanziamento del viaggio che portò alla scoperta dell’America.

Il Ponte Romano

Costruito dai Romani che dominavano la zona nel I secolo a.C., oggi si presenta ai visitatori ancora in tutta la sua imponenza e funzionalità, anche grazie agli attenti restauri cui è stato sottoposto. Consta di 16 archi che in 247 metri scavalcando il fiume Guadalquivir.

All’inizio della campata si trova la Puerta del Puente, un arco che sembra un arco di trionfo attraverso il quale ammiri, dalla parte opposta del ponte, la grande Moschea, la Cattedrale attuale.

Dall’altra parte del ponte c’è la Torre de la Calahorra, una possente fortezza costruita dagli arabi a protezione della città. Irrinuciabile l’attraversamento del ponte e la visita alla Fortezza e all’arco di accesso al Ponte.

La Juderia

Nel Medioevo Cordoba era una città in cui diverse culture convivevano in totale pace: Musulmani, Cristiani, Ebrei, tutti in pacifica convivenza. La Juderia era il quartiere ebraico e qui si riunivano filosofi e scienziati per confrontarsi e discutere delle loro scoperte.

Piccole strade e case bianche in cui spiccano fiori colorati è ciò che ti aspetta nella visita a questo quartiere. Tra i vicoli più famosi di questa zona di Cordoba devi visitare la piccola e popolare Calleja de las flores, molto particolare e caratteristico.

Nel quartiere da visitare anche la Sinagoga. A Cordoba troverai molto altro, monumenti, Chiese, Musei e giardini che ti affascineranno senza alcun dubbio. Molto dipende dal tempo che hai a disposizione ma il consiglio è di dedicare a Cordoba più di un giorno.

Lascia un commento