Viaggiare in Cina: dieci mete da visitare nel paese asiatico

Quando la maggior parte della gente va in Cina, vuole solo vedere la Grande Muraglia e la Città Proibita a Pechino, passeggiare lungo il Bund a Shanghai o ammirare i Guerrieri di Terracotta a Xi’an. Magari potranno fare una visita a Guangzhou o fare una crociera sul fiume Yangtze. Tuttavia, al di là di queste incredibili attrazioni, la Cina si presenta come un bagaglio artistico e culturale incredibile, che vale la pena visitare nel suo complesso. Ecco quali sono le dieci mete migliori da visitare nello splendido paese asiatico.

Pudong Skyline

Pudong è un distretto di Shanghai, sulla sponda orientale del fiume Huangpu, che si è affermato come il centro finanziario e commerciale più importante della Cina. Uno skyline di grattacieli scintillanti sorge da quello che era un semplice terreno agricolo solo 20 anni fa, con grattacieli includono la simbolica Oriental Pearl Tower, il Shanghai World Financial Center, il Jin Mao Building e la Shanghai Tower, terminata nel 2014.

Terrazze Hani

Le terrazze di riso Hani si trovano sul versante meridionale del monte Ailao a Yuanyang, e sono state coltivate per oltre 1.000 anni. Scavate a mano dagli Hani, queste terrazze di riso hanno trasformato una collina sterile in un lussureggiante paradiso subtropicale.

L’acqua viene risparmiata nelle foreste in cima alle colline e convogliata verso le terrazze per l’irrigazione. Le terrazze di riso sono allagate da dicembre a marzo, offrendo ai viaggiatori una vista spettacolare.

Leshan Great Buddha

Il monte Emei ospita il primo tempio buddista in Cina, costruito nel primo secolo. Ma il più notevole dei Buddha emeishan è il Leshan Great Buddha, scavato su una collina nell’ottavo secolo. La statua è alta circa 71 metri e ha dita che si sviluppano per una lunghezza di  tre metri su ciascuna delle sue enormi mani a riposo. Il Buddha gigante ha finito per rendere i fiumi infuriati sotto di esso più navigabili, poiché i resti di pietra della statua sono stati gettati in acqua.

Monte Huang

Una delle principali destinazioni turistiche della Cina, il Monte Huang, è una catena montuosa della Cina orientale conosciuta anche come Huangshan (“Montagna Gialla”). La zona è ben nota per i suoi paesaggi, oltre che per i tramonti, i picchi di granito dalla forma particolare e la vista delle nuvole dall’alto.

Spesso avvolti nella nebbia, i molti picchi sembrano galleggiare sulle nuvole e hanno nomi molto fantasiosi come 18 Arhats Worshipping the South Sea, Lotus Flower Peak, Celestial Capital e Paint Brush. Nei tempi antichi quasi 60.000 gradini di pietra sono stati scolpiti nel lato della catena montuosa. Oggi ci sono anche funivie che i turisti possono utilizzare per raggiungere direttamente dalla base ad una delle vette.

Crociera sul fiume Li

Una crociera sul fiume Li da Guilin a Yangshuo può essere l’attrazione principale di qualsiasi viaggio nella provincia di Guangxi nord-orientale. Con i suoi paesaggi mozzafiato il paesaggio lungo il fiume Li è una delle principali attrazioni turistiche in Cina; e non finisce qui: montagne carsiche coperte di nebbia punteggiano il paesaggio aggiungendo al paesaggio un’aura di serenità. Le tradizionali barche da pesca solcano il fiume, utilizzando cormorani per catturare i loro pesci. Il modo migliore per godersi il paesaggio è quello di fare un giro in barca tra Guilin e Yangshuo; poiché il terreno è pianeggiante, a molti viaggiatori piace tornare in bicicletta.

Esercito di terracotta

Questo possente esercito di guerrieri di terracotta e cavalli è uno dei reperti archeologici più famosi al mondo. È l’attrazione turistica più popolare a Xi’an e una delle più popolari in tutta la Cina. Gli 8.000 guerrieri di terracotta, a cui si aggiungono circa 130 carri, sono stati in silenzio a guardia dell’anima del primo unificatore cinese per più di due millenni. Anche se le armi sono state rubate e la colorazione si è notevolmente sbiadita, la loro esistenza e il fatto che nessun soldato ha le stesse facce serve a testimoniare la quantità di lavoro e l’abilità nella loro costruzione.

Victoria Harbour

Victoria Harbour è uno dei porti per container più profondi del mondo. La baia offre una vista mozzafiato sui grattacieli dell’isola di Hong Kong da un lato, e sulla costa di Tsim Sha Tsui dall’altro. È anche uno dei porti più affollati del mondo con centinaia di traghetti e motoscafi che sfrecciano su e giù per la riva.

Ogni sera, molti grattacieli su entrambi i lati del Victoria Harbour si illuminano in uno spettacolo sincronizzato, conosciuto come uno dei più grandi festival permanenti di luci e suoni del mondo.

Città Proibita

Costruita all’inizio del XV secolo, la Città Proibita è stata la casa degli imperatori delle dinastie Ming e Qing fino a quando Puyi, l’ultimo imperatore della Cina, ha abdicato nel 1912. Si tratta di un complesso circondato da un fossato, che formano il più grande complesso palaziale del mondo.

La leggenda narra che i suoi 980 edifici contengono 9.999 stanze, anche se il numero effettivo è di circa un migliaio in meno. E ‘indiscutibilmente l’attrazione turistica più popolare a Pechino, con la folla a dimostrarlo.

Potala Palace

Come palazzo d’inverno del Dalai Lama del VII secolo, il Potala Palace di Lhasa simboleggia il buddismo tibetano e il suo ruolo centrale nell’amministrazione tradizionale del Tibet. Con oltre 1.000 stanze, il Potala conteneva gli alloggi dei Dalai Lama e sontuose tombe d’oro, in un’unione ideale tra vita e morte.

Il palazzo è rimasto la residenza del Dalai Lama fino a quando il 14° Dalai Lama fuggì in India, dopo l’invasione cinese del 1959. Il palazzo ospita anche grandi quantità di rare reliquie culturali, tra cui l’oro inciso a mano con testimonianze buddiste, e doni di imperatori cinesi. Il palazzo è alto 14 piani e ogni visita comporta la salita e la discesa di molte scale.

Grande Muraglia cinese

La Grande Muraglia cinese è una delle più grandi opere di ingegneria mai realizzate nella storia umana, nonché il più lungo museo all’aperto, che si estende dalla provincia del Gansu a ovest fino a Shanhaiguan sul Mare di Bohai a est.

La muraglia è stato costruita, ricostruita e preservata tra il 5° secolo a.C. e il 16° secolo per proteggere i confini settentrionali dell’Impero cinese dagli attacchi delle tribù nomadi del nord. La maggior parte delle persone tende a visitare le mura intorno zona di Pechino, dove sono più facilmente accessibili e si snodano in modo impressionante sulle cime delle montagne.

Lascia un commento